DEI GIUDICI E DELLE PENE: CORRUZIONE NEL TRIBUNALE FALLIMENTARE

Grisolia (faccendiere di Schettini) sul fallimento faac.

In Chiara Schettini, Fallimentare di Roma, Massimo Ottaviano Ovidio Grisolia on luglio 10, 2013 at 12:52 pm

Cardinali in lotta sull’eredità Faac

di Massimo Selleri

Bologna, 6 luglio 2013 – E’ IL CARDINALE Giuseppe Versaldi, presidente della Prefettura degli affari economici della santa Sede, ad avere fatto pressioni sulla curia bolognese per accettare un accordo che spegnesse le iniziative legali dei parenti di Michelangelo Manini. L’obiettivo di questi ultimi è di invalidare i tre testamenti olografi in cui l’azionista di maggioranza della Faac lasciava tutti i suoi averi all’Arcidiocesi di Bologna.

MA QUELLI di monsignor Versaldi non sono stati gli unici tentativi. Nell’ultima assemblea della Cei che si è tenuta a Roma dal 20 al 24 maggio, il cardinale Domenico Calcagno, presidente dell’amministrazione della sede apostolica, ha consegnato a Caffarra una busta pur non conoscendone il contenuto. All’interno vi era un promemoria scritto e non firmato su carta intestata dello studio del commercialista romano Massimo Grisolia, in cui si delineavano i capisaldi di un nuovo accordo: dare ai parenti il 20 per cento di tutto il patrimonio (circa 300 milioni). Il 50 per cento di questa somma, 150 milioni, sarebbe stato devoluto dai parenti stessi ad una missione del patriarcato di Gerusalemme in Giordania. Interpellato, il patriarca ha comunicato di saperne nulla.

All’interno dell’inchiesta per falso sui tre testamenti, i pm Valter Giovannini, procuratore aggiunto, e Massimiliano Rossi, hanno disposto il sequestro di un corposo fascicolo riguardante la Faac e ritrovato negli uffici di Grisolia a Roma. Dell’esistenza di questo plico la procura di Bologna è venuta a conoscenza grazie agli atti di un’altra inchiesta portata avanti dalla procura di Perugia e che riguarda alcune presunte irregolarità nelle procedure fallimentari del giudice Chiara Schettini in servizio al tribunale dell’Aquila. Grisolia non è indagato dalla procura di Bologna, ma è considerato persona informata dei fatti.

«IL RISVOLTO giudiziario che sta acquisendo la vicenda, è l’ulteriore conferma che abbiamo fatto bene a non accettare accordi». Questa la posizione di via Altabella al termine della giornata di ieri, con la curia che ora attende di conoscere l’esito dell’incidente probatorio sui tre testamenti olografi per verificare la loro autenticità. L’esame inizierà il 2 agosto, con il consulente dei Ris di Parma, maresciallo Vito Matranga, che si è preso 60 giorni per depositare le sue conclusioni

 

di Massimo Selleri

 

LINK

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: