DEI GIUDICI E DELLE PENE: CORRUZIONE NEL TRIBUNALE FALLIMENTARE

Cinque milioni di tangenti al giudice della Fallimentare

In calaviola, Chiara Schettini, Fallimentare di Roma, Fallimenti aziende sane, Frasca Daniela, Letizia Proietti, Massimo Ottaviano Ovidio Grisolia, Massimo Silvestri, natura park, orosei, playa esmeralda on luglio 3, 2013 at 7:28 am

AVEVA una vera passione per le case Chiara Schettini, il giudice della Fallimentare finito in manette con l’accusa di peculato, corruzione, e minacce per aver pilotato sentenze e intimidito un testimone.
Fin qui le indagini della procura di Perugia hanno stabilito che il giudice si sarebbe appropriato di almeno 4,8 milioni provenienti da tre fallimenti (Domitia Hospital srl, Tecnoconsult srl e Pasqualini spa) finiti nel mirino della cricca di avvocati e commercialisti che per anni avrebbe ottenuto, grazie a Schettini, consulenze d’oro e liquidazioni a creditori fittizi. Gli investigatori sospettano che parte del “bottino” sia stata investita in quattro immobili: due a Roma, uno Fregene e uno a Madonna di Campiglio. Il dato emerge dall’ordinanza di arresto di Schettini. Dalle indagini, scrive il gip Lidia Brutti, è emerso che Schettini, insieme al commercialista (indagato) Piercarlo Rossi, ex compagnoe padre del figlio del magistrato, trattò l’acquisto di un appartamento in via del Colosseo. Pagato con 650 mila euro «transitati estero su estero, girati da De Vittori (Federico, fiduciario di Lugano indagato a Roma, ndr) e rinvenuti dal credito ceduto dall’inesistente Baldi alla Allegra Investment» di De Vittori. Più altri 370 mila euro in assegni circolari liquidati per il fallimento Domitia Hospital. Secondo il gip l’interesse di Schettini per la casa si spiega con il fatto che era già la proprietaria di fatto di appartamento all’interno 7, adiacente a quello oggetto della trattativa. Il giudice lo acquistò per 183 mila euro da un ente del comune, facendo comparire come proprietaria l’affittuaria.
Ad ammettere, indirettamente, la proprietà delle due case è la stessa Schettini. Da alcune intercettazioni emerge che fu lei a pagare, lo scorso dicembre, l’Imu, attraverso una terza persona («Guarda, paghi tu, poi passi da me, ok?»). Schettini parla anche dell’Imu per due abitazioni a Fregene e Madonna di Campiglio, entrambe formalmente intestate a due società oggetto di un mandato fiduciario conferito da Rossi alla Selfid spa sequestrato dalla magistratura. Al telefono Schettini si dice preoccupata per il sequestro, dal momento che i due immobili sono suoi. Nelle carte c’è anche una lunga lista di regali ricevuti dal commercialista Federico Di Lauro, curatore del fallimento Pasqualini, tra cui una vacanza in barca in Sardegna. E un gommone da 60-70 mila euro che Schettini provò ad acquistare garantendo al proprietario «un ricco incarico in una procedura fallimentare».
© RIPRODUZIONE RISERVATA
DOMENICO LUSI
14 giugno 2013 19     sez. ROMA

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: